DOC Amarone della Valpolicella Classico – I Castei – Michele Castellani & Figli 2003

Un Amarone base, dritto, senza troppi fronzoli, questo del sig. Castellani. Un bell’esempio di come l’Amarone possa essere non solo un mangia&bevi.
Colore granato scuro, riflessi profondi e concentrati che virano sul violaceo, quasi melanzana. Consistente è davvero riduttivo, ma l’Amarone è così, solidamente liquido.
Il naso è la parte più affascinante: ma è Amarone? I frutti sono netti certo, ma non certo così appassiti come ci si aspetta, le amarene belle fragranti, il succo di ribes fresco, ma le sfumature più miracolosamente affascinanti sono altre e sono note minerali, polverose e asciutte, quasi piriche che per un Amarone è una bella … botta. Gli accenti verdi poi spettacolari, per un naso di una complessità molto più ampia del previsto, sia in senso orizzontale che verticale. Il sorso è tondo, ma una bella dorsale acida ancora vive nel bicchiere, il tannino ha ancora da percorrere un pò di strada prima di diventare gentile, ma, nel complesso, l’impressione è che tutta questa finissima freschezza accompagni molto bene tutto l’estratto polposo che comunque emerge anche da questo Amarone un pò sui generis. A me è piaciuto, forse anche per queste piccole unicità difformi alla specie. Un Amarone pacatamente ribelle questo, con un suo carattere.
Voto_8.3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *