Ma il cielo è (davvero) sempre più blu

balai

“Chi trova scontato, chi come ha trovato” (R.G.)

Agosto, pausa. Per me la pausa è scrivere, è ritrovare quel rapporto di Amore sintattico con la tastiera. Ognuno ha le sue pigre perversioni, questa è la mia.

Bello questo tempo, con le stelle sparate e la luna gigante. Bello sentire, nuovamente presente e costante, il sottofondo ondoso, questo mediterraneo padre, dentro la mia Isola grande, grandissima. Le cose, viste da qua, sono sempre diverse. Ne ho fatto una ragione di vita quella di raccontare la condizione di isolano, di sardo: ho annoiato tutti, anche gli amici più pazienti. Eppure non mi stanco mai di fare da interprete, di trovare il modo di porre all’attenzione di tutti come sia diverso il mondo visto da qua.

Agosto, pausa. Vuol dire musica, che per me è rifugio, non è quasi mai novità. La novità passa, la musica resta. Ascoltare Gaetano a volume intenso e basso e pensare a come nulla sia scontato, neanche questo cielo, neanche queste parole.

Agosto, pausa. C’è da costruire un cielo sempre più blu.

2 pensieri su “Ma il cielo è (davvero) sempre più blu”

  1. Goditi la tua splendida isola e continua a raccontarcela come sai fare tu.A me’ sembrerà di essere li a guardare il tuo cielo e il tuo mare ad amare questa terra come se fosse anche mia .Ciao Fabio e in bocca al lupo per tutto il resto . Mauro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *